Testata Elementi di Protezione.jpg

Nota Informativa

CALZATURE DI SICUREZZA E DA LAVORO

LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL’UTILIZZO LE PRESENTI INDICAZIONI D’USO

 
Queste istruzioni sono state approvate dall’organismo notificato n° 0498 (Ricotest S.r.l. Via Tione, 9 - 37010 Pastrengo VR - Italia), n° 0465 (ANCI Servizi S.r.l. Sezione CIMAC - C.so G. Brodolini, 19 - 27029 Vigevano Pv - Italia) e n° 0075 (CTC Groupe, 4 rue Hermann Frenkel - 69367 Lyon Cedex 07 – France) in occasione del rilascio dell’attestato di conformità CEE come previsto dal Regolamento (UE) 2016/425 applicabile dal 21/04/2018 per i Dispositivi di Protezione individuale di IIa Categoria.
 
AVVERTENZE:
La legge responsabilizza il datore di lavoro per quanto riguarda l’adeguatezza del DPI al tipo di rischio presente (caratteristiche del DPI e categoria di appartenenza). Prima dell’impiego verificare la corrispondenza delle caratteristiche del modello scelto alle proprie esigenze d’utilizzo. Tutte le calzature antinfortunistica prodotte, sono progettate e costruite in conformità alla seguente norma europea:
EN ISO 20347:2012 per quanto riguardano le calzature da lavoro;
EN ISO 20345:2011 per quanto riguarda i requisiti specifici per calzature di sicurezza. La massima aderenza della suola generalmente viene raggiunta dopo un certo “rodaggio” delle calzature nuove (paragonabile ai pneumatici dell’automobile) per rimuovere residui distaccanti ed eventuali altre irregolarità superficiali di carattere fisico e/o chimico. Oltre ai requisiti di base obbligatori previsti dalla normativa EN ISO 20345:2011 o 20347:2012 le calzature possono essere dotate di requisiti supplementari riconoscibili attraverso l’individuazione dei simboli o delle categorie indicate nella marcatura visibile sul soffietto o sulla linguetta. MARCATURA sul soffietto/linguetta (esempio):
Produttore: Maspica
Marcatura di conformità: CE
Paese di fabbricazione: ITALY
Simbolo e categoria di protezione / N° articolo: S1 000000
Misura della calzatura: 42
Norma di riferimento: EN ISO 20345:2011
Trimestre o mese e anno di fabbricazione: IV/18
 
La marcatura CE indica che il prodotto soddisfa i requisiti previsti dal Regolamento(UE) 2016/425 applicabile dal 21/04/2018 relativa ai Dispositivi di Protezione individuale quali: innocuità per la salute, ergonomia e comfort, solidità e robustezza del prodotto, protezione contro i rischi elencati nella presente nota informativa. La dichiarazione di conformità è disponibile sul sito www.sixton.it
CARATTERISTICHE DI PROTEZIONE: Poiché si tratta di una calzatura antinfortunistica, offre il livello di protezione più elevato dai rischi meccanici; questo vale in particolare per il puntale (solo EN ISO 20345:2011) che protegge il piede da:
- impatti fino a 200 J sulla punta, e garantisce una altezza libera dopo l’urto di almeno 14 mm (rif. taglia 42)
- forze di schiacciamento fino a 15 kN e garantisce una altezza libera dopo la compressione di almeno 14 mm (rif. taglia 42)
Oltre ai requisiti di base, sono stati applicati i requisiti riportati nella seguente tabella:
 
SIMBOLO
REQUISITO
SB
S1
S2
S3
0B
01
02
03
-
Resistenza del puntale a 200 J e 15 kN
X
X
X
X
-
-
-
-
-
Zona del tallone chiusa
-
X
X
X
-
X
X
X
FO
Resistenza della suola esterna agli idrocarburi (≤ 12%)
0
X
X
X
0
0
0
0
E
Assorbimento di energia nella zona del tallone (≥ 20 J)
0
X
X
X
0
X
X
X
A
Calzatura antistatica (tra 0,1 e 1000 MΩ)
0
X
X
X
0
X
X
X
WRU
Penetrazione ed assorbimento d’acqua nella tomaia (≥ 60 min.)
0
-
X
X
0
-
X
X
P
Resistenza alla penetrazione del fondo (≥ 1100 N)
0
0
-
X
0
0
-
X
C
Calzatura conduttiva (< 01 MΩ)
0
0
0
0
0
0
0
0
vedi EN 50321
Calzatura elettricamente isolante (classe 0 oppure 00)
0
-
-
-
0
-
-
-
HI 
Isolamento dal calore (prova a 150°C)
0
0
0
0
0
0
0
0
 CI
Isolamento dal freddo (prova a -17°C)
0
0
0
0
0
0
0
0
WR
Calzatura resistente all’acqua (≤ 3 cm2)
0
0
0
0
0
0
0
0
M
Protezione del metatarso del piede (≥ 40 mm (mis. 41/42))
0
0
0
0
-
-
-
-
AN
Protezione della caviglia (≤ 10 kN)
0
0
0
0
0
0
0
0
CR
Resistenza al taglio della tomaia (≥ 2.5 (indice))
0
0
0
0
0
0
0
0
HRO
Resistenza al calore della suola esterna (prova a 300ºC)
0
0
0
0
0
0
0
0
SRA*
Fondo: ceramica standard con lubrificante acqua + detergente: tacco ≥ 0.28 - piano ≥ 0.32
0
0
0
0
0
0
0
0
SRB*
Fondo: acciaio con lubrificante glicerina: tacco ≥ 0.13 - piano ≥ 0.18
0
0
0
0
0
0
0
0
SRC*
Resistenza allo scivolamento SRA + SRB
0
0
0
0
0
0
0
0
 
X = Obbligatorio per la categoria corrispondente
O = Opzionale, applicabile in aggiunta al requisito obbligatorio se indicato
* = È obbligatorio presentare uno dei tre requisiti di resistenza allo scivolamento
 
N.B.: La calzatura potrebbe essere marcata con uno o più simboli in tabella, indicanti caratteristiche aggiuntive ai requisiti di base. I rischi coperti sono solamente quelli indicati dal simbolo corrispondente. L’uso di accessori non approvati può alterare le caratteristiche di resistenza e le funzioni di protezione. Per maggiori informazioni è possibile consultare il nostro servizio di assistenza.
RESISTENZA ALLA PERFORAZIONE:_La resistenza alla perforazione di questa calzatura è stata valutata in laboratorio con un chiodo del diametro 4,5 mm avente la punta tronco conica e ad una forza di 1.100 N. Forze di perforazione più elevate o chiodi di diametro inferiore aumentano il rischio di perforazione. In tali circostanze devono essere considerate misure preventive alternative. Attualmente sono disponibili due tipi di inserto antiperforazione nelle calzature (DPI). Essi possono essere metallici oppure non metallici. Entrambi i tipi di inserto soddisfano i requisiti minimi di resistenza alla perforazione prescritti dalla norma  INSERTO ANTIPERFORAZIONE METALLICO (METAL ANTI PERFORATION) : la resistenza alla perforazione risente meno della forma dell’oggetto tagliente (ad esempio il diametro, la geometria, la forma appuntita), ma a causa di limitazioni nelle dimensioni necessarie per la produzione delle calzature, esso non copre l’intera superficie della parte inferiore della scarpa. INSERTO ANTIPERFORAZIONE NON METALLICO (NON METAL ANTI PERFORATION) : può essere più leggero, più flessibile e fornire una maggiore area di copertura se confrontato con quello metallico, ma la resistenza alla perforazione può variare maggiormente a seconda della forma dell’oggetto tagliente (ad esempio il diametro, la geometria, la forma appuntita). La scritta “Metal anti perforation” o “Non Metal anti perforation” sull’etichetta scatola indica il tipo di inserto utilizzato. Per ulteriori informazioni sul tipo di inserto antiperforazione utilizzato in queste calzature potete contattare il fabbricante o il distributore indicati in questa nota informativa d’uso. LIMITI DI IMPIEGO: Le calzature non sono adatte per protezione da rischi non richiamati nella presente Nota informativa ed in particolare quelli che rientrano nei Dispositivi di Protezione individuale di IIIª Categoria come definito nel Decreto Lgs. n°475 del 4-12-92. USO E MANUTENZIONE: Si declina ogni responsabilità per eventuali danni e conseguenze che possono derivare da un uso improprio delle calzature. E’ importante, durante la scelta, selezionare modello e misura idonei in base alle specifiche esigenze di protezione. Le calzature permettono di mantenere le caratteristiche di sicurezza indicate solo se regolarmente indossate e allacciate. Le protezioni contro i rischi indicate nella marcatura sono valide per calzature in buono stato di conservazione. Verificare con un attento esame visivo prima di ogni impiego il perfetto stato di conservazione del dispositivo e provvedere alla sua sostituzione nel caso si ravvisassero fenomeni di alterazione (eccessiva usura della suola, cattivo stato delle cuciture, distacco suola-tomaia, ecc..). Il mantenimento delle caratteristiche della calzatura è favorito dalla buona conservazione della stessa.E’ opportuno provvedere regolarmente alla sua pulitura rimuovendo eventuali macchie con un panno umido Non asciugare le calzature in prossimità o a contatto diretto con fonti di calore quali stufe, termosifoni, ecc. Non impiegare prodotti aggressivi quali benzene,acidi e solventi,che possono compromettere le caratteristiche di qualità, sicurezza e durata del DPI. CONSERVAZIONE E SMALTIMENTO:. Generalmente le calzature con fondo in Poliuretano hanno una durata di immagazzinamentoipotizzabile di tre anni, se conservate in ambienti asciutti, aerati e a temperatura non eccessivamente alta. Smaltire il dispositivo rispettando le normative vigenti in materia di tutela ambientale e raccolta differenziata. Sono da considerarsi rifiuti industriali non pericolosi e identificati con il Codice Europeo dei Rifiuti (CER):
Pellame: 04.01.99 / Tessuti: 04.02.99 / Materiale cellulosico: 03.03.99
Materiali metallici: 17.04.99 or 17.04.07
Supporti rivestiti in PU e PVC, materiale elastomerico e polimerico: 07.02.99
 

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
CALZATURE ANTISTATICHE: Le calzature antistatiche sono utilizzate quando è necessario dissipare le cariche elettrostatiche per ridurne al minimo l’accumulo - evitando così il rischio di incendio per esempio di sostanze infiammabili e vapori. Le calzature antistatiche non possono garantire una protezione adeguata contro le scosse elettriche poichè introducono unicamente una resistenza elettriche tra il piede e il suolo. L’esperienza ha dimostrato che ai fini antistatici il percorso di scarica attraverso un prodotto deve avere, in condizioni normali, una resistenza minore di 1000 MΩ in qualsiasi momento della vita del prodotto. É definito un valore di 100 kΩ come limiteinferiore della resistenza del prodotto allo stato nuovo, al fine di assicurare una certa protezione contro scosse elettriche pericolose o contro gli incendi, nel caso in cui un apparecchio elettrico presenti difetti quando funziona con tensioni fino a 250V. La resistenza elettrica di questo tipo di calzatura può essere modificata in misura significativa dalla flessione, dalla contaminazione o dall’umidità. Occorre accertarsi che il prodotto sia in grado di svolgere la propria funzione di dissipare la cariche elettrostatiche e di fornire una certa protezione durante tutta la sua durata di vita. Si raccomanda all’utilizzatore di eseguire una prova di resistenza elettrica in loco. Durante l’uso, le caratteristiche elettriche delle calzature può essere modificata in misura significativa dalla flessione e dalla contaminazione. Si consiglia di eseguire una provadi resistenza elettrica in loco a intervalli frequenti e regolari. Durante l’uso, non deve essere introdotto alcun elemento isolante tra il sottopiede della calzatura e il piede del portatore, ad eccezione delle normali calze. Qualora sia introdotta una soletta tra il sottopiede e il piede, occorre verificare le proprietà elettriche della SOLETTA ESTRAIBILE: Se la calzatura antinfortunistica é dotata di soletta estraibile, le funzioni ergonomiche e protettive attestatesi riferiscono alla calzatura completa della sua soletta. Usare la calzatura sempre con la soletta L’utilizzo di accessori, come plantari aggiuntivi o diversi da quelli forniti dalla casa può influenzare negativamente il DPI.  ! Sostituire la soletta soltanto con un modello equivalente dello stesso fornitore originale.
 

Alcuni dei nostri modelli di calzature sono idonei per l’utilizzo con plantari ortopedici della linea SECOSOL, per maggior informazioni consultare il nostro sito www.sixton.it

Rimani informato sulle ultime novità